Disturbi alimentari al maschile

I disturbi alimentari coinvolgono anche la popolazione maschile: gli uomini, al pari delle donne, sono sottoposti alla pressione della forma del corpo, della prestanza fisica. Tradizionalmente associati all’universo femminile, questo stigma ha reso faticoso per gli uomini chiedere aiuto e ricevere una diagnosi ed un percorso di cura adeguato.

Lunghe sessioni in palestra, alimentazione ipercontrollata, valore personale dipendente dalla definizione del proprio corpo: questi sono alcuni dei segnali che vanno ascoltati e non sottovalutati. Oltre che anoressia e bulimia, un numero sempre maggiore di uomini presenta vigoressia, intesa come ossessione per il fisico perfetto, definito e scolpito a livello muscolare, oppure ortoressia, intesa come ossessione del mangiare sano, che porta a privarsi del valore del cibo come occasione sociale.